Memoria

Ossigeno per l’Informazione – Speciale memoria –

Memoria e impegno: come fermare la strage di giornalisti, di notizie e di libertà

Dal 2000 nel mondo sono stati uccisi 1110 giornalisti 32 dei quali negli ultimi quattro mesi. L’ecatombe italiana: 26 uccisi dal 1960 a oggi. L’universo affollatissimo dei cronisti minacciati in Italia: 1400 in sei anni solo quelli documentabili

I nomi dei giornalisti uccisi

Questa è la nostra lista. Questi i nomi dei giornalisti italiani uccisi per mafia e terrorismo

Il libro della memoria dell’Unione cronisti italiani

I testi delle biografie tratti dal ‘Libro della memoria’ realizzato dall’Unione Nazionale Cronisti Italiani

Sono 43 i giornalisti uccisi nel 2012. Nel mondo ne muoiono più di cento ogni anno. I dati e il programma del 3 maggio a Palermo per la V Giornata in memoria dei giornalisti uccisi

Il  3 maggio 2012 a Palermo la quinta Giornata della memoria dei giornalisti uccisi da mafie e terrorismo, organizzata dal gruppo siciliano dell’Unci-l’Unione Nazionale Cronisti Italiani in collaborazione con l’Ordine regionale dei Giornalisti e l’Assostampa Sicilia. Alla giornata parteciperà una delegazione della commissione Antimafia.

Unesco. Almeno 125 giornalisti uccisi nel 2008-2009, l’80% in paesi non in guerra

L’Agenzia ONU descrive una strage compiuta in paesi in pace come l’Italia. Due vittime su dieci sono inviati di guerra, gli altri corrispondenti locali che indagano su criminalità organizzata, corruzione, malaffare e malapolitica.

Com’è difficile ricordare le vittime senza offenderle

Spesso  si dimentica cosa hanno fatto, Speso si dà la parola solo a chi ha ucciso e non ai familiari degli uccisi. Riflessioni e proposte dalla prefazione al libro di Raffaele Sardo: Al di là della notte. Storie di vittime innocenti della criminalità, Edizioni Pironti, maggio 2010.

I problemi di ieri sono i problemi di oggi: ricordare i giornalisti uccisi per aiutare centinaia di cronisti minacciati

Qual è il filo lega le vittime di ieri ai minacciati di oggi. Come fermare il micidiale  ingranaggio. Dal testo distribuito da Ossigeno il 2 maggio 2010 durante il recital teatrale di Luciano Mirone in memoria di Cosimo Cristina e di tutti i giornalisti italiani uccisi mentre svolgevano il loro lavoro.

“Finalmente qualcuno ricorda i giornalisti uccisi in Italia” (2008)

L’intervento di Alberto Spampinato pronunciato a Napoli il 3 maggio 2008 alla II Giornata nazionale della memoria dei giornalisti uccisi per mafia e terrorismo, promossa dall’UNCI.

Il recital in memoria dei giornalisti uccisi – Materiali e recensioni

Vittorio Arrigoni ucciso a Gaza era un vero cronista

Giornalisti minacciati. Mettersi al loro fianco. Diffondere i loro articoli

La traccia dell’intervento illustrato da Alberto Spampinato, consigliere della FNSI e direttore di Ossigeno, al convegno “I giornalisti con Giovanni Tizian” che si è svolto il 29 gennaio 2012, a Bologna, alla Sala Farnese di Palazzo d’Accursio. 

Osce condanna le intimidazioni di giornalisti in Italia, appello al governo

La Rappresentante dell’OSCE per la Libertà dei Media, Dunja Mijatović, ha condannato la continua intimidazione e le minacce contro i giornalisti investigativi in Italia e si è appellata alle autorità italiane perché agiscano e facciano indagini su questi casi.

Mafia. Pietro Grasso, desta allarme il numero crescente di giornalisti minacciati in Italia

Il procuratore nazionale antimafia cita i dati di Ossigeno, ricorda i nomi dei giornalisti uccisi in Sicilia e di quelli che vivono sotto scorta e avverte: “Ancora oggi chi scrive di mafia è esposto a minacce”.

Sicilia. 43 giornalisti vittime di intimidazioni ed abusi. Chi sono. Perchè proprio loro

Un estratto del Rapporto Ossigeno 2011 che racconta le loro vicissitudini. Perché è così pericoloso, riferire certe notizie. Altri sette cronisti intimiditi da gennaio ad aprile 2012.

Salvare i dannati della memoria: alle vittime si cerca di negare l’onore di essere ricordate per ciò che hanno fatto per la collettività. Chi può impedirlo. Come

L’intervento pronunciato il 20 aprile 2012 al Circolo Arci “Il parco dei pini” di Narni Scalo (Terni), durante la cerimonia di inaugurazione della sala polivalente alla memoria del giornalista Peppino Impastato.

La Regione ricorderà Peppino Impastato con una Casa della Memoria

L’annuncio a Cinisi nel 34.mo anniversario della morte: il casolare in cui fu ucciso sarà espropriato per pubblica utilità e ospiterà una Casa della Memoria – La marcia dei cento passi dei sindaci promossa da Avviso Pubblico – Tante iniziative nel suo paese natale – “Finalmente tante finestre aperte”, dice il fratello di Peppino – Il messaggio di Agnese Moro.

Trieste ricorda Anna Politkovskaja. Ragusa dimentica Giovanni Spampinato

Nel capoluogo giuliano Sala Stampa del Comune dedicata alla giornalista russa uccisa a Mosca nel 2006. A Ragusa chiusa Sala Stampa della Provincia dedicata al cronista dell’Ora ucciso nel 1972, inaugurata nel 1995 dall’allora presidente dell’Ordine dei Giornalisti Mario Petrina (nelle foto la cerimonia del 1995).

Giovanni Spampinato e la difesa della memoria “a chilometro zero”

“Mancano i presupposti per ricordare Giovanni Spampinato nella sua terra”, ha detto il fratello Alberto durante la cerimonia del 3 maggio a Palermo in ricordo di tutti i giornalisti uccisi. In questo articolo spiega perché. Il ricordo dei giornalisti uccisi e la difesa dei giornalisti minacciati sono una sola cosa. Non si può difendere la libertà di cronaca e il diritto alla memoria nel mondo se non si difende a casa nostra.

Quando Giovanni Spampinato sfidò il giornalismo tolemaico

Intervento in occasione della rappresentazione dell’inchiesta drammaturgica Il caso Spampinato, di Roberto Rossi e Danilo Schininà, a Bologna e in sei università del Belgio dal 20 al 30 marzo 2012.

Chi era Giancarlo Siani: ragazzo del ’77 e giornalista-giornalista

Un ricordo del cronista ucciso nel 1985 a Napoli.

Cosimo Cristina. Termini Imerese ricorda il suo coraggioso cronista ucciso 52 anni fa

Una giornata alla sua memoria, nella città natale, promossa da venti associazioni nel 52.mo anniversario della morte.  Aveva 25 anni quando fu ucciso facendo credere al suicidio. A lungo dimenticato, ma ora i suoi concittadini lo riscoprono.

LINK/Notizie & approfondimenti da notiziario.ossigeno.info

Ogni titolo rimanda al testo e ad altri articoli correlati non compresi in questo elenco

Memoria

Licenza Creative Commons I contenuti di questo sito, tranne ove espressamente indicato, sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CHIUDI
CLOSE