Querele. Pozzuoli. Direttore di testata online a processo per direttissima

Ha pubblicato un comunicato dei carabinieri sul sequestro di un immobile abusivo senza citare nomi ed è stato querelato per diffamazione dal proprietario del fabbricato. Pm chiede l’archiviazione

POZZUOLI (Na) – A processo per direttissima a causa di un breve articolo di cronaca. Capita a Gennaro Del Giudice, direttore del giornale online ‘www.cronacaflegrea.it’ (che si occupa prevalentemente del territorio di Pozzuoli, alle porte di Napoli), denunciato da un imprenditore risentito per un articolo che lo riguarda ma in cui il suo nome non è citato.

I FATTI. Lo scorso 30 gennaio 2012 il giornale pubblica nella sezione cronaca un articolo di poche righe, raccontando il sequestro di un immobil per abusivismo edilizio, uno dei tanti, sul Lago di Lucrino, nella zona dei Campi Flegrei. L’operazione è stata eseguita dai Carabinieri, che dopo l’applicazione dei sigilli hanno fatto un comunicato stampa e lo hanno inviato ai giornali.

Nell’articolo di ‘cronacaflegrea.it’, dal titolo “Abusi edilizi sul lago Lucrino: denunciato imprenditore”, non viene menzionato il nome dell’imprenditore interessato al provvedimento giudiziario, né sono indicate le iniziali del suo nome, come a volte si fa. L’articolo, non firmato, è stato pubblicato il 30 gennaio 2012.

LA DENUNCIA. Il 15 novembre scorso al direttore del giornale online, Gennaro Del Giudice, è stato notificato dal Giudice per le indagini preliminari di Napoli un invito a comparire in udienza il 5 dicembre prossimo a causa della querela sporta dall’imprenditore Mario Cutolo, proprio riguardo all’articolo del gennaio scorso. Il reato contestato è diffamazione a mezzo stampa. “È una denuncia assurda”, commenta il direttore della testata: l’imprenditore nell’articolo non è mai stato citato e l’articolo stesso è stato scritto in base alle sole informazioni ufficiali dei carabinieri.

IL PM NON E’ D’ACCORDO. Intanto il pubblico ministero Brunetti, non condividendo le richieste dell’imprenditore, ha chiesto l’archiviazione al gip Cananzi, sostenendo che il giornalista  ha esercitato  il diritto di cronaca e quindi non ha commesso alcun reato.

L’OPPOSIZIONE. Il legale dell’imprenditore si è opposto alla richiesta di archiviazione della pubblica accusa e pertanto ha chiesto il rito per direttissima fissato il 5 dicembre dinanzi al Gip. Del Giudice, difeso dall’avvocato Lorenzo Sozio, si dice tranquillo, convinto di aver fatto unicamente il proprio dovere.

Licenza Creative Commons I contenuti di questo sito, tranne ove espressamente indicato, sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *