La Rue (Onu): “I dati di Ossigeno mi preoccupano moltissimo”

“Necessario adottare meccanismi di protezione complessivi, non limitarsi ad agire caso per caso”, ha detto lo “Special Rapporteur”

“Nel giugno 2012 ho detto che ogni Paese deve avere un meccanismo di protezione, perché in ogni società, anche in quelle democratiche, i giornalisti possono correre rischi, ma i rischi variano. Qui vedo tutti i casi documentati da Ossigeno che mi preoccupano moltissimo”, ha detto il Relatore Speciale dell’ONU sulla libertà di stampa durante il convegno di giovedì 14 novembre al Senato (Guarda il VIDEO).

“Lo Stato – ha ggiunto – in questi casi non ha solo la responsabilità di cercare di capire cosa fare in casi singoli, ma di mettere in campo un meccanismo di tutela che possa rispondere a tutti i casi. Ci sono Paesi che sono riusciti a farlo. In Colombia, Paese in una condizione di “guerra”, è stata creata un’autorità, una struttura ufficiale dello Stato, che funziona e protegge giornalisti e difensori dei diritti umani.

Licenza Creative Commons I contenuti di questo sito, tranne ove espressamente indicato, sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *