Memoria

A Firenze il ricordo dei giornalisti uccisi

Celebrare i troppi caduti significa impegnarsi per tutelare i vivi: è il leit-motiv della giornata dedicata a chi ha pagato con la vita la libertà di informazione

“Ricordare i morti e proteggere i vivi”: è stato questo il concetto più citato alla celebrazione della 8/a giornata nazionale della memoria per i giornalisti uccisi da mafie e terrorismo che, organizzata dall’Unione nazionale cronisti, si è svolta a Firenze. A lanciare questo slogan è stato Alberto Spampinato, fratello di un giornalista vittima di mafia, e presidente di Ossigeno, l’osservatorio sui giornalisti minacciati. Dopo di lui ci sono state le testimonianze di Mimma e Fulvio Alfano, vedova e figlio di Beppe Alfano, ucciso da cosa nostra nel 1993, a rappresentare la sofferenza di una famiglia per anni confortata solo dalla frase che il giornalista ucciso soleva ripetere: “Io non ho prezzo”.

“Non basta scortare i giornalisti minacciati – ha detto Mimma Alfano – ma occorre anche difenderli. “Non vogliamo più giornalisti isolati”, ha aggiunto Giulio Francese, figlio di Mario Francese, freddato dalla mafia nel 1979 a Palermo.

“Le vittime sono, io credo, molte di più di quelle delle quali sono stati letti i nomi in questa cerimonia – ha detto il presidente nazionale dell’ordine dei giornalisti, Enzo Jacopino – perchè ogni giorno si uccide la verità, la voglia di conoscere e di informare, nella indifferenza e con la complicità della classe politica”.

Alla “giornata” ha inviato un messaggio anche il segretario generale della Fnsi, Raffaele Lorusso: “Attenzione, vigilanza, denuncia devono essere le nostre parole d’ordine”, ha detto ricordando che “le organizzazioni dei giornalisti rappresentano strumenti importanti per la richiesta di tutele adeguate contro mafie e terrorismo e di sostegno al lavoro dei cronisti”.

La conclusione del presidente dell’Unci, Guido Columba, nei dati della graduatoria 2014 di reporters sans frontieres: “L’Italia – ha detto – è collocata al 57° posto poichè nei primi 10 mesi del 2014 si sono verificati 43 casi di aggressione fisica e 7 casi di incendio doloso a case o auto di giornalisti”.

(ANSA)

 

Licenza Creative Commons I contenuti di questo sito, tranne ove espressamente indicato, sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CHIUDI
CLOSE