Memoria

A Firenze la giornata della memoria per i giornalisti uccisi

Celebrata la prima volta nel 2008. Concesso l’Alto Patronato dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Presenti parenti delle vittime

L’Unione nazionale cronisti italiani celebra venerdì 8 maggio 205 a Firenze la 8/a Giornata della memoria dei giornalisti uccisi dalle mafie e dal terrorismo nel dopoguerra in Italia “per ricordare loro e anche tutti gli altri colleghi che alla libertà di stampa hanno sacrificato la vita nel resto del mondo e per essere vicini a quanti ancora oggi subiscono intimidazioni e minacce per assolvere al diritto-dovere di informare in modo corretto i cittadini”.

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha concesso il suo Alto Patronato. La Giornata della memoria, che si collega con la Giornata per la libertà dell’informazione indetta dall’Onu, è organizzata dai Cronisti toscani, con l’Associazione Stampa Toscana e l’Ordine dei giornalisti della Toscana, si svolgerà alle 15, nella Sala del Gonfalone di Palazzo Panciatichi, sede del Consiglio regionale della Toscana, in via Cavour 4.

Il programma della cerimonia prevede che “oltre al ricordo delle vittime e vi siano le testimonianze di familiari e amici dei colleghi uccisi e di chi subisce intimidazioni e violenze per assolvere al compito del giornalista”.

La Giornata della memoria dell’Unci, l’unica manifestazione che ricorda in contemporanea tutte i giornalisti vittime della violenza, è stata celebrata la prima volta a Roma nel 2008, l’anno successivo si è svolta a Napoli, nel 2010 a Milano, nel 2011 a Genova, nel 2012 a Palermo, nel 2013 a Perugia e lo scorso anno a Cagliari. Tra gli interventi previsti quelli di Alberto Monaci, presidente del Consiglio Regionale della Toscana, Santo Della Volpe e Raffaele Lorusso presidente e segretario generale della Fnsi, Enzo Jacopino, Presidente dell’Ordine dei giornalisti, Sandro Bennucci e Carlo Bartoli, Presidenti dell’Associazione stampa e dell’Ordine della Toscana, Guido Columba, presidente dell’Unione nazionale cronisti, Alberto Spampinato, direttore di Ossigeno per l’informazione, giornalista e fratello di Giovanni Spampinato, ucciso nel 1972 a Ragusa, e Leone Zingales, presidente Unci Sicilia. Al termine della Giornata cominceranno i lavori del Congresso dell’Unci.

Leggi anche  precedente notizia Ossigeno

PC

Licenza Creative Commons I contenuti di questo sito, tranne ove espressamente indicato, sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *