Memoria

Campania. Intitolata a Giancarlo Siani l’aula del Consiglio regionale

È stato deciso con un voto, su proposta dei Cinque Stelle. Il giornalista del Mattino, autore di inchieste sulla camorra, fu ucciso il 23 settembre 1985

Giovedì 4 febbraio 2016, a Napoli, il Consiglio regionale della Campania ha intitolato l’Aula in cui si svolgono le sedute a Giancarlo Siani, il giornalista del quotidiano Il Mattino, autore di inchieste esclusive sulla camorra, ucciso il 23 settembre 1985 a Napoli.

“Ne siamo particolarmente soddisfatti – ha commentato il consigliere Vincenzo Viglione (M5S) – perché siamo stati noi Cinque Stelle a proporlo, per sottolineare quanto sia importante sostenere l’opera dei giornalisti troppo spesso minacciati per la loro azione di verità. In questo modo si dà all’esterno un segnale forte sul piano della legalità”.

“Sono trascorsi trent’anni dalla sua morte, ma – ha detto Flora Beneduce (FI) – la violenza e la criminalità della camorra, che minaccia la nostra società e chi compie un’opera sociale importante, come fanno i giornalisti, continua”.

“Il luogo dove Giancarlo è stato ucciso è in un stato di totale abbandono. Chiedo al Consiglio regionale di  intervenire – – ha affermato il consigliere Cinque Stelle  Maria Muscarà – affinché quel luogo diventi veramente il luogo del ricordo di Giancarlo”.

La presidente del Consiglio regionale, Rosa D’Amelio, che è una giornalista, ha accolto l’appello e ha annunciato che sottoporrà la questione al Sindaco di Napoli, Luigi de Magistris.

ASP

Licenza Creative Commons I contenuti di questo sito, tranne ove espressamente indicato, sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CHIUDI
CLOSE