Commento

Angers. Se il sindacato comincia a parlare della censura violenta e nascosta

La sicurezza dei giornalisti è un tema centrale del Congresso triennale della Federazione Internazionale dei Giornalisti, riunito nella Valle della Loira

Dobbiamo riflettere sul futuro del giornalismo nel mondo e sulla sicurezza dei giornalisti di fronte al fatto che troppi di loro continuano a essere uccisi proprio perché fanno il loro mestiere: in media due ogni settimana. Con queste parole il segretario generale Anthony Bellanger ha riassunto gli obiettivi principali del 29° Congresso triennale dell’IFJ, l’International Federation of Journalists  cui sono affiliati 179 sindacati di 139 nazioni (per l’Italia la FNSI) in rappresentanza di 600 mila giornalisti di tutto il mondo. Il congresso si svolge dal 7 al 10 giugno ad Angers, nella Valle della Loira, in Francia.

È la prima volta che il problema della sicurezza personale e della protezione dei giornalisti viene messo in primo piano nell’agenda dei lavori. È il segno dei tempi difficili che il giornalismo sta vivendo ovunque, anche nelle roccaforti storiche dell’occidente, stretto a tenaglia fra la crisi del modello editoriale storico e il moltiplicarsi degli attacchi contro i cronisti che cercano e diffondono verità scomode, notizie sgradite al potere politico, ai potentati economici e criminali.

Nelle scorse settimane l’IFJ ha chiesto alle organizzazioni affiliate un elenco aggiornato delle minacce più gravi dell’ultimo anno. La FNSI ha fornito i dati del rapporto di Ossigeno per l’Informazione in cui sono elencati i 529 giornalisti italiani colpiti da intimidazioni, ritorsioni e abusi nel 2015.

È importante che il sindacato dei giornalisti cominci a prestare maggiore attenzione a queste vicende e prenda atto che esse ormai impongono di fatto una nuova forma di censura, anche nei paesi liberi e democratici. È importante parlarne e trovare il modo di fare capire ai cittadini e alla politica la gravità della situazione e la necessità di proteggere il lavoro giornalistico con leggi adeguate, con strumenti di protezione penale del diritto di informazione, con un corretto bilanciamento degli altri diritti. È importante diffondere la consapevolezza che per contrastare le violazioni del diritto di informazione sul territorio è necessario innanzitutto monitorarle in ciascun paese con centri di osservazione indipendenti dal governo, così come si fa per altri diritti universali, come si è cominciato a fare in Italia.

ASP

Read in English

Licenza Creative Commons I contenuti di questo sito, tranne ove espressamente indicato, sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CHIUDI
CLOSE