Minacce

Pugni e insulti al cronista politico della Gazzetta di Parma

Pierluigi Dallapina era in bici quando è stato affiancato da un simpatizzante del Partito Democratico. Solidarietà dai suoi colleghi e dal segretario provinciale del partito

Il giornalista Pierluigi Dellapina, cronista politico de La Gazzetta di Parma, nel pomeriggio di venerdì 1 luglio 2016 è stato aggredito da un simpatizzante del Pd che oltre a protestare per alcuni articoli lo ha insultato e minacciato con frasi del tipo “pezzo di merda, te la farò pagare”, e lo ha preso a pugni. Il giornalista, che ha denunciato il fatto ai carabinieri, stava percorrendo in bicicletta una via centrale della città.

Secondo la ricostruzione dell’aggredito, l’uomo prima lo ha insultato, poi è passato a vie di fatto. “Ho schivato per un pelo il primo pugno in faccia – racconta il giornalista – e ho tentato di allontanarmi e di richiamare l’attenzione di alcuni commercianti, poi ho chiesto l’intervento del 112″. Dallapina è stato medicato  al pronto soccorso. Gli è stata certificata una prognosi di quattro giorni.

Solidarietà al giornalista è stata manifestata pubblicamente dai colleghi della Gazzetta, dall’Aser (Associazione stampa dell’Emilia Romagna) che ha condannato fermamente l’accaduto e dal segretario provinciale del Pd di Parma, Gianpaolo Serpagli. Quest’ultimo ha precisato: “La persona che ha colpito Dallapina è stato iscritto al Pd di Parma sino ad alcuni anni fa, non ha mai collaborato con alcuna iniziativa del partito e non ha mai ricoperto alcun ruolo al suo interno”. Altri hanno ricordato che nel 2003 l’aggressore fu candidato alla carica di presidente di un Circolo del Partito Democratico di Parma.

AV

Read in English

Questo episodio rientra nelle statistiche delle intimidazioni agli operatori dell'informazione di Ossigeno per l'Informazione

Licenza Creative Commons I contenuti di questo sito, tranne ove espressamente indicato, sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CHIUDI
CLOSE