Libertà d'informazione

Libertà di stampa. Segnala violazioni a Ossigeno

Fornisci documenti e dati di fatto. Chiedi l’assistenza dell’Osservatorio. Le tue informazioni saranno trattate confidenzialmente
Sei vittima di una violazione della libertà di stampa, del diritto di cronaca o di espressione, di una minaccia, di una intimidazione, di una ritorsione, di un abuso? Sei stato querelato pretestuosamente? Hai subito una condanna sproporzionata per un errore commesso nell’esercizio di questi diritti? Stai affrontando una situazione del genere e senti il peso dell’isolamento? Non hai sufficienti risorse per difenderti da accuse strumentali, infondate, che ti costringono ad affrontare un procedimento giudiziario? Ti trovi in questa situazione? Conosci qualcuno che è in questa situazione? Vuoi farlo sapere? Hai bisogno di assistenza, di consigli, di pareri legali?

Fai una segnalazione a “Ossigeno per l’Informazione”. Scrivi a questo indirizzo. L’Osservatorio tratterà le tue informazioni con riserbo e discrezione, non diffonderà i dati sensibili, non rivelerà il contenuto delle tue dichiarazioni senza il tuo esplicito consenso, agirà come farebbe il tuo avvocato di fiducia. Se vuoi che la tua richiesta sia presa in considerazione in tempi brevi, invia una relazione dettagliata, fai un’esposizione circontanziata dei fatti e allega i documenti e gli articoli necessari per una valutazione oggettiva.

L’Osservatorio verificherà i fatti. Se sono veri e configurano una delle violazioni elencate, Ossigeno denuncerà pubblicamente l’episodio e solleciterà l’attenzione delle autorità nazionali competenti e delle istituzioni internazionali che tutelano la libertà di stampa e assistono i giornalisti, i blogger, i cittadini che hanno esercitato correttamente il diritto di raccontare fatti di pubblico interesse e di esprimere la loro opinione e si trovano in difficoltà  per questa ragione.

Dal 2006 a oggi Ossigeno ha reso pubbliche gravi violazioni di questo tipo avvenute in Italia a danno di oltre tremila persone, in gran parte giornalisti e blogger. Ossigeno ha aiutato queste persone a superare situazioni difficili. La lista dei loro nomi è pubblica (vedi). Questa lista ha convinto il Governo a impegnarsi davanti al Comitato per i Diritti Umani delle Nazioni Unite per risolvere il problema. Questo insieme di episodi è anche  l’argomento più forte in campo per convincere il parlamento a cambiare alcune leggi punitive e la giustizia a modificare procedure altrettanto punitive che contraddicono i principi del diritto internazionale.

Ossigeno si batte per il rispetto di questi principi, affermati salla Costituzione, dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo e riaffermati dalla “Convenzione per la salvaguardia dei Diritti dell’Uomo e delle Libertà fondamentali”, firmata il 4 novembre 1950 a Roma dai paesi membri del Consiglio d’Europa, fra i quali  l’Italia, che ha istituito la Corte Europea dei diritti dell’Uomo. L’articolo 10 di questa Convenzione afferma che “ogni persona ha diritto alla libertà d’espressione. Tale diritto include la libertà d’opinione e la libertà di ricevere o di comunicare informazioni o idee senza che vi possa essere ingerenza da parte delle  autorità  pubbliche  e  senza  limiti  di  frontiera“. (leggi)

Cinque per mille – Ossigeno è un’associazione di volontariato Onlus e si finanzia con donazioni e con i proventi del 5 per mille. Ricordatene quando presenti la dichiarazione dei redditi. Indica questo numero di codice fiscale 9768 2750589

Donazioni detraibili – Leggi Come effettuare donazioni detraibili e con quali benefici fiscali

ASP

Read in English

Licenza Creative Commons I contenuti di questo sito, tranne ove espressamente indicato, sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CHIUDI
CLOSE