Agenda

3 maggio. A Roma Ossigeno offre un concerto e promuove un convegno

Per celebrare la Giornata mondiale della Libertà di Stampa e ricordare i giornalisti uccisi a causa del loro lavoro

Un convegno e un corso di formazione per giornalisti ospitato al Senato dal Presidente Pietro Grasso, un concerto a ingresso liber, un omaggio ai giornalisti uccisi a causa del loro lavoro. Queste le principali iniziative promosse da “Ossigeno per l’Informazione Onlus” per celebrare, il prossimo 3 maggio a Roma, il “World Press Freedom Day”, la Giornata Mondiale dell’Informazione indetta dall’ONU, onorata ogni anno in tutto il mondo in questa data, in memoria dei giornalisti uccisi e di quelli minacciati a causa del loro lavoro.

L’iniziativa principale consiste in un convegno dal titolo “Informazione. Diritto violabile?” che si svolgerà nel pomeriggio dalle 15:00 alle 19:00, nella Sala Zuccari del Senato, a Palazzo Giustiniani (via della Dogana Vecchia 29). Il convegno è organizzato da Ossigeno in collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti del Lazio ed è accreditato come un seminario di formazione. I giornalisti che si registreranno sulla piattaforma Sigef (fino a esaurimento dei posti) otterranno 6 crediti. Il presidente del Senato, Pietro Grasso, terrà il discorso di apertura. Insieme ai responsabili dell’Osservatorio Ossigeno sulle minacce ai giornalisti, interverranno esperti di altri Paesi, fra cui Joan Barata, già consigliere della Rappresentante dell’Osce per la libertà di stampa, testimoni delle vicende a cui è dedicata la Giornata, personalità del mondo giornalistico, fra cui il direttore del quotidiano Avvenire, Marco Tarquinio. Una sessione sarà riservata a interventi del pubblico, composto prevalentemente da studenti universitari e giornalisti.

Lo stesso giorno, alle ore 12.30, presso la Casa del Jazz (viale di Porta Ardeatina 55), ci sarà l’omaggio alla lapide in memoria delle vittime della criminalità organizzata, tra cui nove giornalisti.

Infine si svolgerà alle ore 20:30 presso la Sala Europa dell’Ufficio di Rappresentanza della Commissione Europea (via 4 Novembre 149) “Musica e libertà”: si tratta di un concerto a ingresso gratuito (posti limitati, registrarsi per partecipare), in memoria dei giornalisti uccisi, eseguito dalla Scoop Jazz Band.

Con queste manifestazioni Ossigeno prosegue le iniziative avviate con successo negli anni scorsi per celebrare nella capitale questa ricorrenza annuale. Significativamente quest’anno l’Osservatorio vuole mettere al centro dell’attenzione il fatto che le violenze contro i giornalisti (molto frequenti e in gran parte impunite) causano un danno ai cittadini, poiché li privano di informazioni necessarie per partecipare consapevolmente alla vita pubblica.

Celebrare la giornata del 3 maggio mettendo al centro questi drammatici problemi è il modo migliore per cominciare ad affrontarli, hanno detto più volte i rappresentanti di Ossigeno. Inoltre, hanno aggiunto, queste sono le occasioni per misurare, da un anno all’altro, quanta strada si è fatta per garantire una migliore protezione ai cronisti e per ridurre l’impunità di chi li imbavaglia, li aggredisce, li intimidisce. È importante invitare a riflettere su questi problemi soprattutto i più giovani. Perciò nel 2016 Ossigeno ha celebrato la Giornata del 3 maggio a Roma con tre iniziative, la principale, alla presenza di 250 fra studenti e giornalisti, alla Biblioteca Nazionale Centrale (vedi) e con il patrocinio del Commissario del Consiglio d’Europa per i Diritti Umani, che per l’occasione rilasciò un’intervista esclusiva a Ossigeno (leggi). In quella occasione iniziò a diffondere il Pannello della Memoria dei Giornalisti Uccisi in Italia che da allora è stato consegnato al Presidente della Repubblica, ai Presidenti delle Camere, a decine di scuole e di sindaci, alle organizzazioni dei giornalisti (vedi).

Leggi anche il Rapporto Ossigeno di maggio 2016

MF

Licenza Creative Commons I contenuti di questo sito, tranne ove espressamente indicato, sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *