Libertà d'informazione

Pietro Grasso: il Pannello dei giornalisti uccisi è patrimonio di tutto il Paese

Puntuale e prezioso il lavoro di Ossigeno. Il ricordo di Ilaria Alpi e Mario Francese. Un pensiero a Federica Angeli e ai cronisti minacciati

“Il pannello dei giornalisti uccisi è un patrimonio di tutto il Paese e non dobbiamo dimenticare le loro storie”: lo ha detto il Presidente del Senato, Pietro Grasso, in apertura del convegno “Informazione. Diritto violabile?” organizzato da Ossigeno per l’Informazione a palazzo Giustiniani a Roma. “Un regime democratico non può essere tale se non assicura ai cittadini di accedere a un’informazione libera e plurale: c’è bisogno di un giornalismo autorevole e responsabile. E noi chiediamo agli operatori dell’informazione grande rigore deontologico”, ha aggiunto.

Il Presidente ha apprezzato pubblicamente il dialogo sempre più “fecondo e prezioso” tra il mondo dell’informazione e le istituzioni, sottolineando l’importanza del lavoro puntale di documentazione e analisi che svolge Ossigeno. “Occorre riflettere ancora una volta sul grado di libertà e efficacia del sistema di informazione del nostro Paese; oltre che difendere questo sistema da chi cerca di ostacolarlo”, ha detto ancora.

Nel suo intervento, Grasso ha ricordato Mario Francese, che incontrava in pretura a Palermo: “pagò con la vita il desiderio di essere utile a quella città”. “Vedo in sala la mamma di Ilaria Alpi – ha detto il Presidente – sono troppe le domande e i punti oscuri di una vicenda che non abbiamo intenzione di archiviare o dimenticare. Abbiamo il dovere morale di insistere affinché sia fatta giustizia, anche se non possiamo lenire il dolore dei vostri cuori”.

Infine il Presidente ha rivolto un pensiero a Federica Angeli, nuovamente minacciata di recente, e a tutti i colleghi che condividono la sua stessa situazione: “dobbiamo stare vicini con un impegno costante; ne va della nostra democrazia e del dibattito pubblico, in breve del nostro futuro”, ha concluso.

RDM

Licenza Creative Commons I contenuti di questo sito, tranne ove espressamente indicato, sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *