Memoria | Antonio Russo

Biografia | Le inchieste | Bibliografia, webgrafia, filmografia e teatro | Libro della memoria

Biografia

Antonio Russo, era un cronista freelance con solide esperienze fatte in Algeria, Burundi, Rwanda, Colombia, Ucraina. Dal ‘95 lavorava per Radio Radicale. E per quell’emittente andò in Kosovo dove rimase, unico giornalista occidentale in quella regione durante i bombardamenti della Nato, fino al 31 marzo 1999 per documentare la pulizia etnica contro gli albanesi kosovari. Antonio Russo è morto la notte tra il 15 e il 16 ottobre 2000 in Georgia, dove si trovava come inviato di Radio Radicale per testimoniare la guerra in Cecenia. Aveva 40 anni. Il suo corpo senza vita fu scoperto ai bordi di una strada di campagna a 25 chilometri da Tibilisi, torturato con tecniche riconducibili a reparti militari specializzati. Il materiale che aveva con sè – videocassette, articoli, appunti – non venne ritrovato, anche il suo alloggio a Tibilisi fu trovato svaligiato (pur senza toccare gli oggetti di valore) e l’auto rubata. Le circostanze della morte non sono mai state chiarite. Ai funerali svoltisi a Francavilla a Mare, sua città natale, la madre ha detto: “La sola cosa che mi consola è che è stata una morte coerente con la sua vita” (da Giornata della Memoria dei Giornalisti uccisi da mafie e terrorismo)

Torna su

Le inchieste

Torna su

Bibliografia, webgrafia, filmografia e teatro

LIBRI e ARTICOLI

– UNCI, Giornata della memoria dei giornalisti uccisi da mafie e terrorismo, Roma, 2008.

– Daniele Biacchessi, Passione Reporter, 2009.

WEB

Wikipedia

Radio Radicale

DOCUMENTARI, FILM e SPETTACOLI

 

Biografia | Le inchieste | Bibliografia, webgrafia, filmografia e teatro | Libro della memoria