Minacce

Roma. Giornalista di “Ballarò” minacciata dopo intervista a Lirio Abbate

Franesca Fagnani ha mandato in onda l’intervista all’inviato dell’Espresso poco prima che la sua auto fosse speronata sul Lungotevere

Minacce di morte esplicite e insulti irripetibili contro Francesca Fagnani, giornalista della redazione del programma di Raitre Ballarò sono stati pubblicati sotto forma di commenti firmati con pseudonimi mercoledì 12 novembre sul sito web della trasmissione. Lo ha reso noto venerdì 14 novembre il conduttore Massimo Giannini.

La sera prima, il programma settimanale aveva mandato in onda una lunga intervista a Roberto Saviano e un servizio giornalistico sulla criminalità organizzata nella capitale, nel quale Francesca Fagnani parlava della spartizione del territorio fra vari clan, dei legami fra malavita ed estremismo di destra e di indizi di possibili collegamenti con ambienti politico imprenditoriali.

In quel servizio Fagnani ha inserito una intervista al giornalista dell’Espresso Lirio Abbate, quale esperto della materia, per aver pubblicato alcune inchieste approfondite sulla nuova “mala” romana, sui suoi collegamenti con ambienti politici e mafiosi e sulle coperture di cui gode.

La sera stessa Lirio Abbate subì un gravissimo attacco: l’auto su cui viaggiava insieme a due agenti (che lo scortano permanentemente da alcuni anni per proteggerlo a seguito delle minacce di morte provenienti da ambienti mafiosi) fu seguita per le strade di Roma e speronata da un’altra vettura che poi si diede alla fuga. Le minacce alla giornalista Fagnani apparvero sul sito di Ballarò la mattina successiva. Massimo Giannini, nel renderle note, ha espresso solidarietà e vicinanza a lei e a Lirio Abbate con un messaggio di solidarietà postato sul sito di Ballarò.

LA VICENDA – Nel suo servizio Francesca Fagnani ha spiegato come opera la malavita romana e come le varie famiglie si dividono le zone di influenza facendo i nomi che si ripetono nella cronaca (Fasciani, Senese, Casamonica, Carminati) e gli affari trattati (il controllo del traffico di stupefacenti, l’usura, il riciclaggio) e i riferimenti ad ambienti della estrema destra romana e politico imprenditoriali.

Il giorno dopo la puntata, mercoledì 12, sul sito di Ballarò le minacce sono apparse nello spazio dedicato ai commenti. “Ti bruciamo la casa”, “Fai attenzione che puoi morire” e una serie di scurrilità e insulti triviali. Alcuni sono firmati “bellissima Casamonica” o “Danilo King Casamonica”. I mittenti si nascondono dietro profili fake non riconoscibili.

Francesca Fagnani è stata già bersagliata di pesanti insulti via web nel 2012, quando si occupò dello stesso argomento per Servizio Pubblico, in onda su La7.

GM/ASP

Questo episodio rientra nelle statistiche delle intimidazioni agli operatori dell'informazione di Ossigeno per l'Informazione

Licenza Creative Commons I contenuti di questo sito, tranne ove espressamente indicato, sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CHIUDI
CLOSE