Libertà d'informazione

Giornalisti minacciati. “Quanti sono?” chiede Casson a Alfano

Interrogazione al ministro dell’interno per sapere quanti vivono sotto scorta e cosa intende fare di fronte a un fenomeno in crescita e sotto osservazione dell’Ue

“Troppi i giornalisti sotto tutela perchè colpiti da minacce, intimidazioni e abusi per limitare o impedire la circolazione delle informazioni. Il ministro Alfano fornisca i numeri del fenomeno, perchè informazione libera, legalità e democrazia viaggiano di pari passo”. È quanto sollecita il sen. Felice Casson, vicepresidente della commissione Giustizia con un’interrogazione al ministro dell’Interno.

“Quanto accaduto a Lirio Abbate de l’Espresso, la cui macchina sulla quale viaggiava con la scorta è stata speronata, è solo la punta di un iceberg – spiega – In Italia il numero dei giornalisti sotto tutela o minacciati è in costante crescita e il fenomeno  è ben descritto e certificato dall’Osservatorio Ossigeno per l’informazione, promosso dall’Ordine dei giornalisti e dalla Federazione nazionale stampa italiana, che ha documentato oltre duemila intimidazioni di questo tipo consumate in Italia fra il 2006 e il 2014, di cui 350 nei primi undici mesi del 2014. In Europa si discute il “caso italiano” a causa dell’elevato numero di giornalisti intimiditi, che non ha eguali negli altri Stati membri”.

“Va infatti notato – aggiunge Casson – che numerosi organismi internazionali (dalle Nazioni Unite, al Consiglio d’Europa, all’OSCE) hanno sollecitato le istituzioni italiane a modificare alcune leggi, in particolare quella sulla diffamazione a mezzo stampa, per rendere più sicuro il lavoro dei giornalisti e più garantito il diritto dei cittadini italiani di essere informati in modo completo. Un fenomeno che non può contare su numeri certi ufficiali, come risulta nel rapporto su mafie e informazione consegnato a novembre del 2014 alla Commissione Parlamentare Antimafia dall’Osservatorio Ossigeno che ha segnalato l’assenza di statistiche ufficiali”.

“È quindi necessario – conclude Casson – che il governo chiarisca innanzitutto su quanti sono le giornaliste e i giornalisti sotto scorta o sotto tutela delle Forze dell’ordine e quali misure il governo voglia intraprendere per garantire sia la sicurezza personale dei giornalisti impegnati nell’attività di cronaca sia il diritto dei cittadini di essere informati senza subire una censura imposta con la violenza e l’arbitrio. Così come è importante che venga dato un chiaro segnale anche in campo normativo per rispondere alle ripetute sollecitazioni da parte dell’Onu e degli organismi europei”.

LEGGI Il testo dell’interrogazione

ASP

Licenza Creative Commons I contenuti di questo sito, tranne ove espressamente indicato, sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *