ECPMF / italiano

Italia. Le notizie più pericolose di Ossigeno. Giugno 2017

Questa rassegna mensile delle intimidazioni in Italia è realizzata da Ossigeno per l’Informazione per il Centro Europeo per la Libertà di Informazione e di Stampa di Lipsia (ECPMF), con il sostegno dell’Unione Europea

Attacchi: 74 probabili, 21 credibili
A giugno 2017, Ossigeno per l’Informazione ha preso in considerazione 74 segnalazioni di probabili attacchi a giornalisti, blogger e altri operatori dell’informazione presi di mira in Italia a causa del loro lavoro.

L’Osservatorio ha esaminato i casi uno per uno e, dopo approfondita verifica, ha ritenuto credibili 21 dei 74 attacchi accertando essi hanno danneggiato 42 operatori dei media. Ossigeno ha documentato e classificato ognuno di questi 21  episodi, li ha resi noti e ha aggiunto i nomi delle persone minacciate nella Tabella delle vittime di gravi violazioni della libertà di espressione e di stampa. Questa tabella, disponibile online sul sito di Ossigeno (vedi), alla fine di giugno elencava 3266 nomi, di cui gli ultimi 181 aggiunti durante i primi 181 giorni del 2017.

NOMI – Le vittime degli attacchi documentati a giugno 2017 sono 31 uomini e 11 donne: Luca Signorelli; Giuseppe Guastella; Gaetano Pragliola, Francesco Mennillo; Antonio Sabbattino; Giuseppe Crimaldi; Mario Calabresi; Franco Oddo, Marina De Michele, Salvo La Rocca; Marilù Mastrogiovanni; Fabrizio Peronaci; Lorenzo Bagnoli, Lorenzo Bodrero; Alessia Truzzolillo; Ilaria Lonigro, Peter Gomez; Giuseppe Sottile; Silvio Schembri, Salvatore Butticé; Maria Egizia Fiaschetti, 1 fotografo; Pasquale Gallo; Raffaella Cosentino; Chiara Squaglia, videoperatore; Barbara Savodini, Federico Domenichelli, Mirko Macaro, Giuseppe Mele; Elena Redaelli, 2 cameraman, collaboratori; Alessio Fusco, Elia Tortorini, Simone Perugini; Angela Caponnetto, Salvatore Gulisano, 3 videomaker.

TIPOLOGIE – In base al Metodo di Ossigeno (vedi) gli attacchi, sono stati classificati secondo le seguenti tipologie: Aggressione lieve (14), Aggressione grave (3), Insulti (4), Querela per diffamazione ritenuta pretestuosa (12), Minacce personali (5), Oscuramento blog (1), Lettera con proiettili attivi (1), Danneggiamento beni e oggetti personali o strumenti di lavoro (1), Striscioni e scritte (1).

News. Prodotte e pubblicate 122 notizie originali
Ossigeno ha pubblicato sul sito web 122 notizie originali a proposito degli episodi di minacce e intimidazioni e di altri attacchi alla libertà di stampa: 79 in italiano e 43 in inglese. Inoltre Ossigeno ha prodotto 9 newsletter settimanali (5 in Italiano e 4 in inglese).

Social network
Questo mese Ossigeno ha pubblicato 119 post, 69 like e 1498 visualizzazioni su Facebook; 87 Tweet, 33.800 visualizzazioni, 824 visite, 30 notifiche e 29 nuovi followers su Twitter.

Fatti principali
Lamezia Terme (CZ). Busta con un proiettile per una giornalista

A Lamezia Terme (Calabria) il 18 giugno è avvenuto quello che è probabilmente l’episodio intimidatorio di maggior effetto, ai danni di Alessia Truzzolillo, collaboratrice del Corriere della Calabria: il padre ha ritrovato nel giardino della sua casa una busta contenente un proiettile e la scritta “Per Alessia”.

Roma. Rubate dall’auto del giornalista Peronaci copie del suo libro

A Roma il 15 giugno il 15 giugno il giornalista del Corriere della Sera Fabrizio Peronaci ha parcheggiato la sua auto e l’ha trovato danneggiata, dopo la presentazione di un suo libro: dall’interno dell’automezzo sono state sottratte alcune copie del volume ed altri oggetti.

Casarano (Le). Contro Marilù Mastrogiovanni manifesti macabri

A Casarano (Lecce) il 26 giugno, il giorno successivo alle elezioni amministrative,  sono stati affissi sui muri delle vie principali dei manifesti offensivi e minacciosi nei quali la giornalista Marilù Mastrogiovanni è raffigurata dentro una fossa. Già in precedenza la stessa giornalista era stata più volte minacciata per notizie su vicende di corruzione e infiltrazioni mafiose.

L’Osservatorio ha riferito diversi attacchi ai danni di giornalisti e di troupe televisive di canali televisivi nazionali, di programmi noti dunque, i cui inviati sono stati minacciati, intimiditi, allontanati o aggrediti.

Calabria. Prete arrestato, aggredite due troupe tv

A Isola Capo Rizzuto (Calabria)  il 16 maggio gli inviati di Rainews24 e PiazzaPulita (La7), che erano andati a raccogliere commenti e opinioni sull’arresto di un noto sacerdote, coinvolto in una indagine per fatti di mafia, sono stati aggrediti.

Pisa. Aggredita troupe di Striscia per servizio su Miss Mondo Toscana

A Pisa il 20 maggio un’inviata e un operatore televisivo del tg satirico Striscia La Notizia sono stati minacciati da persone impegnate a organizzare un concorso di bellezza, che hanno detto loro: “Non ci uscite voi vivi da qui”.

Torino. Aggredita troupe tv di Rete4 Quinta Colonna

A Torino il 29 maggio una troupe di Quinta Colonna (Rete4) è stata minacciata e fatta allontanare dagli occupanti di alcune palazzine.

Roma Tiburtina. Calci e pugni. Aggredita troupe di Rete4

A Roma il 30 maggio alla stazione Tiburtina un giornalista e due videoperatori di un’altra trasmissione della stessa rete (Dalla Vostra Parte), sono stati aggrediti con calci, pugni e spintoni da dieci persone durante un collegamento televisivo in diretta.

Sperlonga. CC sequestrano albergo. Giornalisti insultati e allontanati

A Sperlonga il 31 maggio tre giornalisti ed un operatore televisivo, mentre documentavano il sequestro di un albergo ordinato dalla magistratura per illeciti edilizi, sono stati insultati e minacciati da tre persone. Gli agenti di polizia presenti sono intervenuti per impedire che fossero aggrediti. Poi, per risolvere la tensione, hanno ritenuto necessario mandare via i giornalisti e l’operatore tv. Ossigeno ha segnalato l’episodio al Prefetto di Latina sottolineando che le forze dell’ordine sono tenute a garantire l’ordine senza impedire l’esercizio del diritto di informare i cittadini su fatti di indubbio interesse pubblico.

Roma. Venditori ambulanti minacciano giornalista e fotografo

A Roma il 6 giugno alcuni venditori ambulanti abusivi del mercato all’aperto di Piazzale Flaminio hanno rivolto insulti  e minacce a una giornalista e a un fotografo del Corriere della Sera. La scena si è svolta alla presenza di agenti della polizia municipale, che si sono rifiutati di intervenire.

Trapani. Sostenitori candidato sindaco bloccano giornalista

A Trapani (Sicilia) il 4 giugno un cronista e un cameraman della trasmissione televisiva La Gabbia (La7) sono stati spintonati ed insultati mentre cercavano di avvicinarsi ad un candidato sindaco appena scarcerato per porgli delle domande.

Napoli. Diplomi facili. Quattro giornalisti aggrediti e insultati

A Napoli il 21 e 22 giugno, nei pressi di un istituto scolastico paritario divenuto noto perché rilascerebbe diplomi con particolare e sospetta facilità, quattro giornalisti impegnati a realizzare dei servizi sono stati aggrediti ed insultati minacciosamente.

Siracusa. Consigliera comunale definisce mezzi uomini due giornalisti

A Siracusa (Sicilia) il 9 e 10 maggio due cronisti locali che avevano pubblicato notizie critiche su una consigliera comunale sono stati insultati e minacciati con frasi allusive pronunciate in pubblico dalla stessa consigliera che ha anche una querela nei loro confronti.

Azioni giudiziarie pretestuose o intimidatorie
Caivano (Na). Sindaco querela cronista per post su donna che lo accusa

A Caivano (Napoli) il 26 maggio il sindaco ha citato per diffamazione un blogger che ha raccontato l’irruzione di una donna durante il consiglio comunale del 25 maggio.

Scontro fra M5S e La Repubblica per una notizia con fonte riservata

A Roma, nei giorni successivi al 15 giugno, sono state annunciate querele nei confronti del direttore del quotidiano la Repubblica da parte di alcuni esponenti del Movimento 5 Stelle, a causa di un articolo in cui si rivelava un incontro segreto che sarebbe avvenuto fra un esponente del movimento di Beppe Grillo e il capo del partito della Lega, Matteo Salvini.

Assistenza Legale
Querele. Ossigeno difende in giudizio due freelance dell’IRPI

Ossigeno ha accolto la richiesta di offrire assistenza legale gratuita, attraverso il suo Ufficio di Assistenza Legale (vedi), ai cronisti freelance Lorenzo Bagnoli e Lorenzo Bodrero, querelati il 20 febbraio a Roma per diffamazione da un imprenditore della cui attività avevano riferito in una articolo pubblicato sul settimanale l’Espresso.

Notizie positive
Palermo. Annullato oscuramento articolo online, mancava richiesta pm

A Palermo l’8 maggio è stato annullato per un vizio di forma il sequestro preventivo di un articolo pubblicato a gennaio dalla testata online LiveSicilia.it.

Siracusa. Giornalisti La Civetta prosciolti da accusa di estorsione

A Siracusa l’8 maggio sono stati prosciolti dall’accusa di estorsione i giornalisti Franco Oddo e Marina De Michele, rispettivamente direttore e vice direttore del quindicinnale La Civetta di Minerva.

Foibe. Gup di Roma archivia querela Storace al Fatto

A Roma il 6 giugno è stato archiviato il procedimento penale per diffamazione a mezzo stampa a carico di due giornalisti della testata online ilfattoquotidiano.it, citati da Francesco Storace, consigliere della Regione Lazio e giornalista.

Puglia. Cassazione conferma condanna autore minacce a cronista

A Roma il 29 marzo la Corte di Cassazione ha confermato la condanna a 100 euro di multa e 300 di spese legali per l’autore di una minaccia telefonica rivolta ad Antonello Norscia, avvocato e giornalista, collaboratore de La Gazzetta del Mezzogiorno.

Allarme a Roma e dintorni
Come si vede, sono stati numerosi gli attacchi a Roma e in altre città della regione Lazio. Ossigeno aveva già segnalato che il maggior numero di intimidazioni, minacce, ritorsioni e abusi a danno degli operatori dell’informazione si verifica  in questa regione. Il 3 maggio l’Osservatorio ha perciò lanciato un allarme specifico chiedendo attenzione e iniziative per arrestare questo fenomeno (leggi il Dossier). Le richieste di Ossigeno, condivise dall’Associazione Stampa Romana, sono state illustrate il 9 giugno al Prefetto di Latina e successivamente in un incontro con i funzionari della Prefettura di Roma.

Giornalisti sotto scorta: in Italia sono 20, a Roma 12

Dopo avere ottenuto dal Ministero della Giustizia i dati inediti sul numero dei procedimenti per diffamazione a mezzo stampa (leggi), Ossigeno ha ottenuto in esclusiva dal Governo un altro importante dato ufficiale, finora riservato: il numero dei giornalisti italiani che, a causa di minacce di morte, vivono protetti da una scorta armata delle forze dell’ordine. Il Ministero dell’Interno ha comunicato ufficialmente che sono 20, di cui 12 (pari al 60%) a Roma, 3 a Milano, 2 a Torino, 1 a Caserta, Reggio Calabria, Viterbo.

Musica, parole e libertà di stampa
Il primo Concerto per la libertà di stampa promosso da Ossigeno la sera di mercoledì 21 giugno a Roma, ha avuto successo. Un pubblico numeroso ed entusiasta ha affollato la Sala del treno di Papa Pio IX del Museo Centrale Montemartini che, insieme a molte affascinanti sculture di epoca romana trovate negli scavi archeologici dell’antica Roma, espone imponenti impianti di archeologia industriale. Alle esibizioni musicali della Scoop Jazz Band e del sassofonista Nicola Alesini, Ossigeno ha mescolato la lettura di venti “telegrammi” di personalità, di giornalisti minacciati, di familiari di giornalisti uccisi. L’evento, organizzato nella ricorrenza della Festa Europea della Musica in collaborazione con il Comune di Roma e di Roma, sarà ripetuto.

Premio Ossigeno Grego per tesi di laurea. Il nuovo bando 
Ossigeno ha emesso il bando della seconda edizione del Premio Ossigeno Mario Paolo Grego, riservato agli autori di tesi di dottorato e di laurea magistrale sul tema della libertà di stampa e di espressione e del diritto di essere informati (leggi).

Contatti e convegni
Sicurezza dei giornalisti. A Ginevra si discute il piano Onu

Il 29 giugno a Ginevra, il direttore di Ossigeno ha partecipato alla “Consultazione plurale fra parti interessate al rafforzamento del Piano d’Azione delle Nazioni Unite sulla sicurezza dei giornalisti e la questione dell’impunità” (“Multi-Stakeholder Consultation on Strengthening the United Nations Plan of Action on the Safety of Journalists and the Issue of Impunity”), che si è svolta al Palais des Nations per iniziativa dell’UNESCO e dell’Alto Commissario dell’ONU per i diritti umani (OHCHR – Office of the United Nations High Commissioner for Human Rights). Nel corso dell’incontro è stato approvato un programma di iniziative e una nuova strategia per rilanciare il Piano  impegnando tutte le agenzie dell’ONU e coinvolgendo più direttamente le autorità nazionali di ciascun paese insieme alle ONG e ai centri di ricerca universitari. La nuova strategia è espressa nelle Raccomandazioni approvate al termine dei lavori (leggi).

il 27 giugno a Roma l’ avvocato Andrea Di Pietro, ha incontrato a Roma Sofia Verza, collaboratrice dell’Osservatorio Balcani e Caucaso Transeuropa, e ha illustrato l’attività dell’Ufficio di Assistenza Legale di Ossigeno, di cui è il coordinatore. Sofia Verza inserirà le informazioni nel Resource Centre dello European Centre for Press and Media Freedom (ECPMF);

Il 28 giugno a Roma il segretario di Ossigeno, Giuseppe F. Mennella, ha partecipato alla consegna del Premio giornalistico “Schiena dritta”, indetto dall’Ordine Nazionale dei Giornalisti e ha comunicato che sono venti i giornalisti italiani che vivono sotto protezione (leggi).

Il 29 giugno a Trieste, Matteo Finco ha rappresentato Ossigeno alla riunione della giuria del premio giornalistico CEI SEEMO che sarà assegnato a novembre a Sofia. (leggi)

Altre notizie di rilievo
Dossier Ossigeno sul Lazio, la regione con più giornalisti minacciati

Giornalisti. Allarme minacce in Lazio. Interrogazione sen. Fattori – M5S

Quali  misure antimafia in Italia e in Germania. Convegno a Berlino

Rome. June 21. Ossigeno invites to the concert for press freedom

CEI-SEEMO. 22 in corsa per il Premio di giornalismo investigativo

MF ASP

Licenza Creative Commons I contenuti di questo sito, tranne ove espressamente indicato, sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *