Minacce

Intrusione notturna nella sede di “Avvenire di Calabria”

Ignoti sono entrati nella redazione a Reggio Calabria, forzando la porta d’ingresso, ma non hanno portato via nulla. Denunciato l’accaduto

A Reggio Calabria nella notte tra il 16 e il 17 luglio ignoti si sono introdotti nella sede della redazione del settimanale l’Avvenire di Calabria, pubblicato ogni domenica come inserto del quotidiano Avvenire. Il direttore del settimanale, il giornalista don Davide Imeneo, si è accorto dell’intrusione la mattina del 18 luglio, dal fatto che la serratura della porta d’ingresso era stata danneggiata. Da un controllo sembra che non sia stato rubato nulla.

Per il direttore l’intrusione è stata un avvertimento: “hanno voluto farci capire che ‘ci tengono d’occhio'”. Il sacerdote ha denunciato l’accaduto il giorno stesso ai carabinieri di Reggio. La redazione è protetta da un sistema di allarme che però non ha segnalato l’effrazione. Don Davide ha spiegato che qualche giorno prima uno dei redattori aveva smarrito la chiave per attivarlo. La piccola testata pubblica notizie sui temi sociali e sulla lotta alla criminalità organizzata. Due giorni prima dell’intrusione aveva riferito, come notizia principale, che era stata creata una commissione pastorale diocesana antimafia. All’Avvenire di Calabria hanno espresso solidarietà OdG, FNSI, FISC, Don Luigi Ciotti e Avvenire.

RDM-ASP

Read in English

Questo episodio rientra nelle statistiche delle intimidazioni agli operatori dell'informazione di Ossigeno per l'Informazione

Licenza Creative Commons I contenuti di questo sito, tranne ove espressamente indicato, sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *