Segnalazioni

SOS inascoltati. Pappagallo (ASR), Ossigeno bene prezioso, aiutiamolo

Il segretario dell’Associazione Stampa Romana condivide l’appello di Ossigeno e annuncia disponibilità a collaborare nei controlli

“Ossigeno per l’Informazione è un bene prezioso per la categoria. Lo è per status giuridico perché è una combinazione di azione tra Sindacato e Ordine dei giornalisti. Lo è per l’attività che ha messo in campo in questi anni. Se l’Italia non brilla nelle classifiche internazionali per la libertà di stampa, se abbiamo monitorato nel paese e qui nel Lazio l’onda crescente di una progressiva insofferenza anche violenta alla nostra professione, se siamo ancora in grado di chiedere alle Istituzioni di cambiare le norme dalla diffamazione alle querele per consentirci di svolgere nel modo migliore la nostra funzione democratica il merito è anche di Ossigeno e del suo database”. E’ quanto scrive Lazzaro Pappagallo, segretario dell’Associazione Stampa Romana, dopo aver letto l’SOS lanciato da Ossigeno per l’Informazione,  che non riesce più a fronteggiare il sempre più elevato numero di allarmi provenienti dal mondo giornalistico.

Pappagallo condivide l’articolo pubblicato dall’Osservatorio e annuncia la disponibilità di Stampa Romana ad affiancare Ossigeno nei controlli.  “Non si improvvisano le verifiche degli sos. Compiute con professionalità e scrupolo, costano tempo e danaro. Il rischio concreto è che la bussola di Ossigeno non sia più così precisa e affidabile e non copra tutto il territorio nazionale”, conclude il segretario.

L’appello lanciato da Ossigeno il 16 febbraio 2018 è stato condiviso e rilanciato sia dall’Associazione Stampa Romana sia dall’Associazione  LSDI (Libertà di stampa e diritto all’Informazione)

Leggi l’articolo originale di Lazzaro Pappagallo (Asr): Difendiamo esperienza e valore di Ossigeno per l’informazione
Leggi anche

Ossigeno segnala questo episodio riservandosi di acquisire ulteriori dettagli significativi prima di inserirlo nella Tabella dei nomi dei giornalisti e blogger oggetto di minacce e intimidazioni.

Licenza Creative Commons I contenuti di questo sito, tranne ove espressamente indicato, sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CHIUDI
CLOSE