Libertà d'informazione

8 maggio. Corinne Vella: Alla fine hanno ucciso mia sorella Daphne

Le omissioni sfociate a Malta nell’eliminazione fisica della giornalista. Chi era. La proposta di rafforzare il monitoraggio sviluppando organizzazioni come Ossigeno per l’Informazione 

Questo è l’intervento pronunciato l’8 maggio 2018, a Roma, in Campidoglio, dalla sorella di Daphne Caruana Galizia, al convegno “Trasparenza e libertà di informazione nello Stato di diritto”,  organizzato in cooperazione con l’AGCOM e con il supporto dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio e il patrocinio dell’UNESCO.

Gli abusi da parte di autorità statali hanno un “chilling effect” sulla libertà di stampa. Quando un giornalista è costretto a tacere per paura o perché viene ucciso, è una sconfitta per tutti noi. Tutti  perdiamo il diritto di sapere, conoscere e capire.

La libertà di stampa è in pericolo dappertutto. Soltanto un cittadino su sette vive in un paese in cui vi è libertà di stampa. L’Europa viene considerata la regione dove la libertà di stampa è maggiormente garantita. In realtà, anche in quei paesi che sono considerati pionieri, la libertà di espressione è ancora oggi più fragile di quanto ci aspetteremmo. Non a caso quattro dei maggiori declassamenti nell’indice sulla libertà di stampa di Reporter Senza Frontiere riguardano paesi europei. Uno di questi è proprio Malta, che appare 18 posizioni più in basso rispetto all’anno scorso e ora è al 65° posto. La morte di Daphne Caruana Galizia, avvenuta lo scorso ottobre, è uno dei principali fattori che hanno determinato questo declassamento.

Daphne era una delle più note e seguite giornaliste a Malta. Il 16 ottobre 2017, mentre usciva di casa in auto,  è stata uccisa da un’esplosione di una bomba telecontrollata piazzata sotto la sua auto. Il suo omicidio è correlato alla corruzione del potere e alla mancata protezione della libertà di stampa in uno Stato di diritto, a Malta come in tutto il mondo. E ciò porta alla constatazione che l’Europa non è più un luogo sicuro per i giornalisti.

In un discorso a Bruxelles alcuni mesi dopo la sua morte, i figli di Daphne hanno espresso la preoccupazione che ciò che era accaduto alla madre potesse accadere ancora. Poco dopo, Jan Kuciak e la sua fidanzata Martina Kusirovna sono stati assassinati nella loro casa. Ora, non ci chiediamo più se un altro giornalista verrà ucciso, ma: quando.

Più di recente, è stato scoperto e sventato il tentativo di uccidere Paolo Borrometi. Questa è una buona notizia, ma comunque è terribile il fatto che si stesse pianificando questo omicidio. Dovremmo pensare che ciò non riguarda soltanto Paolo Borrometi, ma tutti noi. I giornalisti non esistono e lavorano per sé stessi, ma per la comunità. Quindi, tutti  dobbiamo preoccuparci che un giornalista sia adeguatamente protetto. E’ attraverso il loro lavoro che siamo informati e controlliamo il potere.

Tuttavia, concentrare l’attenzione soltanto sul giornalista minacciato non  consente di avere il quadro completo. Dobbiamo considerare anche che questo è un fallimento sistematico per lo Stato e pensare a come si può colmare il vuoto dei sistemi di protezione. Nel caso di Malta, ciò significa che dovremmo considerare il fallimento delle autorità statali e i modi di impedire l’impunità.

La responsabilità di proteggere un giornalista spetta in prima e ultima istanza allo Stato, che ha l’obbligo preciso di proteggere i diritti, tra cui il diritto alla vita e il diritto di sapere. Un ufficiale di polizia di Malta ha dichiarato che Daphne aveva rifiutato la protezione. A parte il fatto che l’affermazione è falsa, questa giustificazione da parte dello Stato è assolutamente inadeguata. La migliore forma di protezione che le autorità statali possono fornire consiste nel prevenire la criminalità e perseguire quei criminali che rappresentano una minaccia per i giornalisti. E’ fuor di dubbio che la morte di Daphne avrebbe potuto essere evitata e che lo Stato ha fallito sia nel proteggerla adeguatamente sia nel compito di prevenire lo sviluppo di un ambiente ostile per il giornalismo critico e indipendente.

Ciò che sappiamo è che processare i criminali rende un ambiente più sicuro per i giornalisti. L’impunità sistematica per i crimini espone i giornalisti a rischi maggiori. Ciò crea anche un ambiente in cui gli attacchi ai giornalisti vengono percepiti come la normalità.

Nel caso di mia sorella, la somma di tutti questi fattori ha creato un meccanismo che si è rivelato fatale.

CORRUZIONE E IMPUNITA’ 

Daphne aveva sempre saputo che non era libera di scrivere. Lei voleva vivere in un paese in cui la stampa fosse libera e la libertà di espressione un diritto inalienabile. In trenta anni di lavoro, è stata via via sempre più diffamata, discreditata e isolata. La sua casa è stata incendiata due volte, una con il chiaro intento di ucciderla. Nessuno è mai stato indagato per questi crimini e per quelli che lei ha denunciato negli ultimi anni. La corruzione e le impunità sono tra i principali fattori che hanno reso possibile la sua morte. Questi problemi sono andati aggravandosi negli ultimi anni.

Prima del suo omicidio, Daphne aveva ricevuto minacce e intimidazioni da funzionari statali e dai loro collaboratori. Questo perché aveva rivelato la corruzione che coinvolgeva il responsabile dello staff del Primo Ministro, Keith Schembri, e del ministro Konrad Mizzi. Ancora oggi, entrambi ricoprono queste cariche e sono protetti dal Primo Ministro, Joseph Muscat. Daphne aveva dimostrato la collusione tra Muscat, il suo capo di Gabinetto Keith Schembri, il Ministro della Giustizia Owen Bonnici, e Christina Kaelin di Henley and Partners.

Tutti cercavano di metterla a tacere sotto il peso di querele pretestuose. A carico di mia sorella erano pendenti  47 processi, di cui cinque penali. La maggior parte delle querele era di funzionari del governo e del partito al governo. Il Ministro dell’Economia aveva fatto bloccare i suoi conti correnti. Dopo la morte di Daphne, abbiamo scoperto che pendeva un’altra causa. Ali Sadr, il proprietario iraniano di Pilatus Bank, aveva chiesto 40 milioni di dollari per risarcimento dei danni, in Arizona. Nessuno aveva mai notificato a Daphne quel procedimento. Sadr ha ritirato la citazione, dopo aver appreso la notizia dell’omicidio di Daphne.

Un politico aveva costruito la sua campagna elettorale per le presidenziali sulla denigrazione di Daphne, che aveva rivelato i suoi legami con la criminalità organizzata. Lei non è stata protetta dalle istituzioni maltesi, compresi polizia, il procuratore e i giudici, che non hanno fatto assolutamente nulla riguardo ai reati che aveva denunciato. Potendo contare soltanto sul supporto di alcuni grandi testate, è stato facile organizzare la sua uccisione.

CHE COSA POSSIAMO FARE?

1. Evitare un linguaggio ostile nei confronti dei giornalisti. Gli estremisti e i normali cittadini prendono esempio dai loro leader. Una retorica ostile nei confronti di giornalisti che criticano il governo fa apparire legittimi gli attacchi nei loro confronti.

2. Attuare le raccomandazioni del Consiglio d’Europa sulla protezione e la sicurezza dei giornalisti. Sono state approvate nel 2016, ma non sono ancora state attuate.

3. Rafforzare il monitoraggio. Organizzazioni come Ossigeno per l’Informazione dovrebbero ricevere un sostegno materiale.

4. Legiferare per proteggere l’identità dei giornalisti che esercitano il diritto di accesso agli atti.

5. Creare un organo consultivo transnazionale per sorvegliare le indagini sulla morte dei giornalisti. Questo aumenterebbe il rischio dei criminali di essere puniti e attirerebbe l’attenzione sia su chi è al potere sia su chi non lo è e rifiuta di difendere la libertà di stampa.

6. Infine, ma non meno importante, mettere fine all’impunità. Come ci ricordano le scritte nelle aule di giustizia italiane: “La legge è uguale per tutti”. E non ci devono essere eccezioni.

IF


Aiutaci anche tu a produrre Ossigeno per l’informazione. Puoi farlo in tre modi. 1. Scrivendo il nostro codice fiscale 97682750589 sulla tua dichiarazione dei redditi per assegnare il 5 per 1000 alla nostra ONLUS. Così ci fai una donazione senza spendere un euro. 2. Facendo  una donazione via web a Ossigeno e beneficiando di una detrazione fiscale (leggi). 3. Facendo circolare le notizie e i dati di Ossigeno per rompere il muro del silenzio e dell’indifferenza contro gli attacchi al diritto di dire e di sapere ciò che accade.

Licenza Creative Commons I contenuti di questo sito, tranne ove espressamente indicato, sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CHIUDI
CLOSE